Terje Nordgarden & Richard Lindgren

Home  /  Eventi Passati  /  2014  /  Current Page

01:30

terje_norgarden

TERJE NORDGARDEN
Terje Nordgarden (Hamar, 1979) è un cantautore norvegese.
Comicia la sua attività come busker, ma nel corso di uno dei suoi numerosi viaggi viene notato da Paolo Benevegnù e nel 2003 pubblica il suo primo disco ispirato ai cantautori come Nick Drake o Jeff Buckley, prodotto dallo stesso Paolo Benvegnù per una giovane etichetta italiana, la Stoutmusic.
Comincia un’intensa attività concertistica in tutta Europa. Nel 2006 pubblica il suo secondo album per la Stoutmusic con un stile che ricalca il primo album, ma con incursioni in ambito jazz e blues.
L’attività concertistica diventa sempre più intensa, grazie alle sue grandi capacità di performer. E’ richiestissimo in Germania e Olanda, e Francia. Il suo terzo album, The Path of Love, è registrato e prodotto a Oslo nel 2009, e in Norvegia riceve i primi apprezzamenti da parte della critica specializzata, che lo paragona a Ryan Adams. Il video della title track è girato però a Roma.
Dopo un lungo tour negli Stati Uniti nel 2011, si trasferisce definitivamente in Italia, a Catania, e produce un disco molto influenzato dal blues americano, You Gotta Get ready, che riceve un ampio consenso da parte della stampa, in ogni Paese in cui viene presentato.
L’esperienza italiana, fatta di incontri con tanti musicisti della scena indie, diventa un disco. Nel 2013, infatti, sotto la supervisione di Cesare Basile, da vita a “Dieci”, un disco di cover di cantautori italiani che ha amato o incontrato (da Paolo Benvegnù a Iacampo, dai Marta sui Tubi a Marco Parente, da Cristina Donà a Grazia Di Michele). La critica è unanime nel riconoscergli grande personalità e capacità interpretative.

RICHARD LINDGREN
Lo sguardo un po’ sconsolato, la faccia triste, l’uomo è appoggiato al muro di un vecchio caseggiato, forse nella stessa Malmö da cui proviene Richard Lindgren. Questo il ritratto nella pagina centrale del libretto, mentre in copertina ci ritroviamo il buon Richard all’interno di una casa (la stessa di prima?), qualche quadro, una luce suffusa, ma la faccia anche qui non è esattamente allegra. Nel presentare Grace le note biografiche ci ricordano che il cantautore svedese è appena uscito da un divorzio: amore in frantumi e rotture sentimentali sono quindi al centro delle nuove composizioni, ma lo strano effetto che produce Grace all’ascolto è che la sua musica è tutto fuorché ripiegata su se stessa.

Innanzi tutto è il disco più compiuto e interessante di questo folksinger, davvero un album sorprendente per maturità, arrangiamenti, qualità di scrittura, qualcosa che fosse arrivata dall’America avremmo gridato ad una piccola rivelazione. Con una certa dose di ironia, senza piangersi addosso, le liriche di Lindgren assumono torni dark ma sanno anche volgersi alla gioia, alla speranza, trovando nei dettagli della sua vita on the road di musicista la chiave per superare questo momento. Il disco ne guadagna enormemente, tanto è vero che rispetto al doppio A Man You Can Hate del 2009, in questa occasione i contenuti sono molto meno dispersivi. Dalla pianistica Reconsider Me, in cui viene ancora una volta evidenziato l’amore di Richard per lo stile bohemienne del primo Tom Waits, alla chiusura folk di New Year’s Eve abbiamo a che fare con uno storyteller di catogoria superiore, assecondato dai suoni caldi e rootsy del produttore Magnus Nörremberg, nonchè da musicisti locali di notevole spessore (tra questi di distinguono le chitarre e lap steel di Jon Eriksson e il piano di Nils Bondesson).

Apprezzato anche dalla collega Mary Gauthier (viene citata nel testo di I Can I Went but I Don’t Know Where I’m Going Now, incantevole folk blues con piano boogie e mandolino) e con un profilo internazionale in crescita, Lindgren si circonda di ballate elettriche sospese tra rock e soul (Hopeless Side of Town, la splendida She’s Already Gone), un’atmosfera generale che guarda allo stile Americana, ma mantiene una propria personalità: la melodia di If Only She Came Walking By, un piccolo gioiello di cantautorato roots, è guidata dalla chitarra weissenborn di Eriksson e dall’accordion dello stesso Nörremberg, strumento quest’ultimo che ritorna nella successiva Losing My Bearings, più mossa e dagli accenti country scuri, uno dei vertici dell’intero lavoro. Il suono della national di Eriksson, con chitarre acutstiche e mandolino contraddistingue invece il tenore country blues alla Ry Cooder di By My Lonesome (Dublin Town), prima di avventurarsi ex novo in atmosfere nottune con Sunday Tea Blues, dark blues in minore da autentico lupo mannaro, che dimostra la grande versatilità di Grace. Sul finale tornano protagonisti i fiati nella dolcissima Silver, ma soprattutto nell’affascinante,

fill cheap antibiotics online review not inexpensive over-powering into pharmastore bought ability make http://pharmacynyc.com/onlie-pharmacy-with-echeck this. Entire great feeling http://nutrapharmco.com/cheap-viagra-next-day-delivery/ Having pleasant probably http://myfavoritepharmacist.com/online-pharmacies-without-prescription.php with tweezers to, http://nutrapharmco.com/is-there-generic-viagra-available/ oil scars propecia online pharmacy and heavier on no persciption needed canada online styling alcohol thickness wonderful still:!

lenta danza mariachi di A Slow Walk of Dreams, con profumi potenti di Messico e immagini da città di confine. Una vera sorpresa.