InVinoVeritas

Home  /  Eventi Passati  /  2015  /  Current Page

22:00

in_vino_veritas

Gli InVinoVeritas nascono alla fine del XX secolo da un patto firmato col Sangue di Giuda da Edoardo Favrin e Gianmarco Sgroi. L’idea originaria è quella di esprimersi esplorando il delicato connubio tra calici e note, che porta alla genesi della musica psychetilica, intendendo con questo neologismo non solo il genere, ma anche e soprattutto l’approccio e l’atteggiamento nei suoi confronti. Il gruppo si arricchisce successivamente di nuovi elementi, tra i quali Stefano Giani e Giacomo Fusi, e nel 2002 viene pubblicato il primo disco, intitolato semplicemente In Vino Veritas, un contenitore di canzoni, brani strumentali e sperimentazioni.
Viene poi data una svolta acustica alla musica del gruppo, sintetizzata nell’esperienza della “Distilleria clandestina di suoni”, grazie all’arrivo di Davide Livio e Marco Valsecchi. La collaborazione con quest’ultimo porta, parallelamente alla canonica attività concertistica, ad una contaminazione della musica psychetilica con la parola scritta. È così che nascono i reading musicati In Vino Recital e Ancora in piedi – ricordi di una guerra, quest’ultimo , vincitore della targa “Cultura Resistente 2012” assegnato dall’associazione culturale Stella Alpina.
Nel frattempo ai live nei classici locali si cominciano ad affiancare performance più insolite, in banchetti nuziali, toga party, rifugi d’alta montagna, pedalate notturne, stazioni metropolitane, tram etc.
Dopo l’avvento di Alberto Villa emerge l’esigenza di fermare in un’istantanea la musica del gruppo in un disco. Ecco quindi nascere demoDé, pubblicato il 12-11-10, che vede la partecipazione straordinaria del violino di Fulvio Renzi. demoDé ottiene un riscontro molto buono dalla critica e porta il gruppo ad esibirsi, fra le altre occasioni, in Piazza Duomo a Milano in occasione del concertone di Capodanno 2012. La promozione di demoDé avviene con una nuova sezione ritmica composta da Umberto Gillio alla batteria e Gianluca Canetto al basso. Con questa stessa formazione viene registrato il nuovo long playing ViaVai, la cui presentazione vedrà un nuovo cambio di formazione, con il ritorno di Alberto Villa alla batteria e l’arrivo di Andrea Moshi al basso. Insomma, il ViaVai continua…